Trasfigurazione Parma









FAMIGLIA: PUNTO DI FORZA IN TEMPO DI COVID

Il valore fondamentale dei legami familiari



Il Consiglio pastorale della nostra Parrocchia, su proposta di don Enrico, ha deciso di mantenere la celebrazione “Non c’è domenica senza famiglia”, una delle quattro ”domeniche maggiori” che, assieme alle altre solennità liturgiche, caratterizzano da molti anni il “calendario” della nostra comunità parrocchiale. Purtroppo, per le note ragioni legate al Covid-19, non ci potrà essere la messa unica (e nemmeno il rinfresco finale): ma si confermerà in tutta la sua pregnanza e bellezza il ricordo di tutte le famiglie e la consegna delle “pietre della Trasfigurazione” alle coppie che hanno raggiunto il 25° e il 50° di matrimonio, assieme ad altre che desiderano festeggiare altri anniversari.
Seppure con le regole di sicurezza potremo quindi anche quest’anno applaudire le nostre sorelle e fratelli che hanno compiuto un importante cammino insieme, “nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia”.
Non si può però negare che questa celebrazione cada in un momento molto particolare, quello della spaventosa pandemia in parte passata ma ancora in parte in corso; festeggiare le nostre famiglie in questo frangente ci porta a riflettere sull’importanza dei legami familiari – nelle singole famiglie, tra genitori anziani e figli adulti, tra nonni e i nipoti, tra parenti – emersa in modo evidente proprio durante questi terribili mesi.
Diciamo subito che la pandemia ha fatto anche peggiorare o esplodere situazioni di crisi: come se la malattia fisica avesse esacerbato malattie relazionali già esistenti o magari latenti. E non possiamo certo tacere i molti, troppi episodi di violenza di uomini contro le donne che si sono purtroppo intensificati proprio nella situazione di forzato isolamento: tema che merita tutta la nostra attenzione ed impegno. Riconosciuto con obiettività tutto questo e la tragicità di quanto è accaduto, sarebbe sbagliato non rilevare come tante, tantissime famiglie si siano ritrovate a dover affrontare un “nemico” comune facendo leva sulla solidarietà, la comprensione reciproca, la pazienza, la necessità di mediare e di ri-negoziare, spazi, tempi, comportamenti; come i legami familiari siano stati una grande risorsa e come la loro eventuale “perdita” – temporanea in caso di malattia, definitiva su questa terra in caso di morte – sia stata vissuta, giustamente, con grande sofferenza proprio in ragione del loro valore. Ci torneremo su più avanti.
Provo a riassumere alcune impressioni, senza pretese, semplicemente osservando la realtà dal mio personale e sicuramente soggettivo punto di vista.


Sono solo riflessioni parziali e limitate; tanti punti sarebbero da approfondire e tante altre cose si potrebbero aggiungere. Sarebbe importante che quello che abbiamo vissuto e stiamo vivendo nelle nostre famiglie fosse oggetto di riflessione e scambi di opinioni: non per trarre conclusioni semplicistiche, ma per vivere con consapevolezza e speranza, lasciandoci guidare dai suggerimenti dello Spirito Santo, il presente e il futuro che ci sono donati.



Sandro Campanini
© 2019 Parrocchia della Trasfigurazione
Via Ruggero Leoncavallo 4 - 43123 Parma PR
Telefono 0521 491415