Trasfigurazione Parma












ATTI DEGLI APOSTOLI


Settimana dal 21.02.21 al 27.02.21



Commento

Capitolo 1°: Il testo degli Atti, così come il Vangelo di Luca, è indirizzato a Teofilo (amico di Dio), probabile personaggio simbolico al posto del quale potremmo metterci noi. L’Autore si propone di far conoscere il mistero della vita cristiana che si realizza nella prima comunità e, riprendendo il filo narrativo del suo Vangelo, ripete la descrizione degli ultimi giorni di presenza del Signore e l’episodio della sua salita al cielo. La dipartita di Gesù lascia nello sconforto i discepoli, che vengono esortati da due angeli a non restare inerti, aspettando il suo ritorno, ma a vivere attivamente e con fede il tempo dell’attesa.
Gerusalemme sarà il luogo in cui essi dovranno attendere lo Spirito promesso da Gesù: nella città santa del popolo di Israele prenderà corpo la chiesa di Cristo, da lì si diffonderà in tutto il mondo. Gli Apostoli, riuniti insieme alle donne discepole di Gesù, a Maria, sua madre, e a molti altri seguaci, rileggendo alla luce delle Scritture la vicenda di Giuda il traditore, si sentono chiamati a sostituirlo e scelgono, fra due discepoli della prima ora, colui che ne prenderà il posto. Nella preghiera e nell’affidamento al Signore la sorte cade su Mattia.


Capitolo 2°: Cinquanta giorni dopo, nel giorno di Pentecoste (o delle primizie), giorno in cui gli Ebrei commemoravano la consegna della Legge mosaica che faceva da ponte tra Dio e il suo popolo, tutti i credenti riuniti insieme ricevono lo Spirito Santo che, anticipato da un forte rumore, si posa sul capo di ognuno apparendo come in lingue di fuoco. Lo Spirito dona ai presenti di parlare in tutte le lingue e di essere compresi dai pellegrini appartenenti a varie nazionalità, presenti a Gerusalemme. Pietro, nel primo dei suoi tre discorsi presenti negli Atti, con piena autorevolezza, proclama che Gesù, che era passato in mezzo alla gente facendo miracoli e rivelando la volontà di Dio, quel Gesù che è stato messo a morte ingiustamente ma da Dio è stato risuscitato, è il Cristo, il Messia atteso, come dicono Gioele e i Salmi. Ne segue lo sconcerto degli astanti, il loro pentimento e la successiva conversione che porta molti fedeli a farsi battezzare. La comunità prende forma intorno ad alcune attività che la caratterizzano sin da subito: ascolto dell’insegnamento degli Apostoli, la preghiera quotidiana, la partecipazione alla cena del Signore e la messa in comune dei propri beni.